Anno Santo per i 450 anni dell'apparizione al Santuario MADONNA DEL PONTE di Caltagirone (CT), 1 Gennaio 2021

Dic 28 2020

Anno Santo per i 450 anni dell’apparizione al Santuario MADONNA DEL PONTE di Caltagirone (CT), 1 Gennaio 2021

Anno Santo per la Diocesi di Caltagirone, indetto da Mons. Calogero Peri, dal Santuario della Madonna del Ponte, in occasione del 450° anniversario dell’apparizione.

Il 1 gennaio 2021, solennità di Maria SS. Madre di Dio, alle ore 18,00 il vescovo Calogero Peri ha presieduto la Santa Messa presso il Santuario diocesano Maria SS. del Ponte in Caltagirone (CT) alla fine della quale ha firmato e consegnato ai fedeli la lettera da lui scritta con la quale indice un Anno Giubilare Mariano in occasione del 450° anniversario dell’apparizione della Beata Vergine Maria del Ponte che sarà inaugurato il prossimo mese di agosto. La celebrazione è stato un rendimento di grazie al Signore per aver posto il suo sguardo e la presenza della sua venerabile Madre sulla gente che la invoca quale madre di misericordia e di aiuto nelle sofferenze.

     Questi i momenti vissuti durante la celebrazione:

  • Celebrazione eucaristica presieduta da S.E. Mons. Calogero Peri.

  • Adorazione eucaristica per affidare al Signore il nuovo anno sotto lo sguardo di Maria.

  • Firma e consegna della Lettera del Vescovo per il 450° anniversario dell’apparizione della Beata Vergine Maria al Ponte.

  • Ecco il testo che il Vescovo ha consegnato al Santuario e all’intera Diocesi di Caltagirone: “Carissimi, nel 2022 ricordiamo i 450 anni dell’Apparizione della Madonna del Ponte nello specchio d’acqua limpida di una fonte, presso la quale una bambina si era recata per attingere l’acqua il 15 agosto, festa dell’Assunta, del 1572 in un povero quartiere della città di Caltagirone. Questa ricorrenza non può passare sotto silenzio per i forti richiami e rimandi spirituali che contiene e per la profonda incidenza mariana che questa apparizione ha avuto nella storia della nostra Chiesa. Perché questo sia un cammino di ciascuno e di tutta intera la comunità diocesana Indiciamo uno 𝗦𝗽𝗲𝗰𝗶𝗮𝗹𝗲 𝗔𝗻𝗻𝗼 𝗚𝗶𝘂𝗯𝗶𝗹𝗮𝗿𝗲 𝗠𝗮𝗿𝗶𝗮𝗻𝗼, 𝟲 𝗮𝗴𝗼𝘀𝘁𝗼 𝟮𝟬𝟮𝟭 – 𝟮𝟭 𝗮𝗴𝗼𝘀𝘁𝗼 𝟮𝟬𝟮𝟮 Augurandoci reciprocamente una sincera conversione e riconciliazione con Dio riprendiamo nuovamente, con spirito fiducioso e con Maria, il pellegrinaggio della nostra vita, invocando su tutti la protezione e la benedizione di Dio nostro Padre. Vicino a ciascuno di voi, vi auguro ogni bene, tanta serenità e la pace del Signore per questo anno mariano: tempo di grazia e di salvezza, tempo di conversione e di gioia, tempo di pentimento e di speranza. Lo facciamo con fiducia perché lo vogliamo fare insieme a Maria Madre di Gesù e Madre nostra, lei che è il volto nuovo dell’umanità e l’immagine bella di ciascuno di noi nel giorno che ha fatto il Signore.” + Calogero Peri Vescovo di Caltagirone

  • foto della celebrazione

«Questo tempo che stiamo per vivere – afferma il parroco e rettore don Francesco Di Stefano – molto diverso, sotto tanti punti di vista, da quello che avevamo pensato che ci impedisce di fare progetti a lungo termine, è stato fortemente desiderato e preparato sia dalla preghiera personale e comunitaria sia da attività pastorali come i pellegrinaggi dell’effige della Vergine del Ponte presso le varie parrocchie della Città al fine di risvegliare la devozione, in verità mai assopita, alla Madre di Dio. Ora è arrivato il momento della celebrazione di un intero Anno Giubilare che inizierà il prossimo mese di agosto 2021! Il nostro pastore giorno 01 gennaio ci consegnerà la lettera con la quale ci comunicherà il senso e il significato di questo tempo che sarà, di fatto, una vera e propria opportunità per riscoprirci figli di un unico Padre con la presenza costante della Vergine Maria, nostra Madre».

«Il contesto del tutto straordinario in cui siamo chiamati a vivere il ricordo di questi 450 anni dell’apparizione della Vergine Maria – afferma il vescovo Peri in un passaggio della lettera di indizione – è esso stesso un contenuto prezioso. Dentro questo tempo, caratterizzato dalle limitazioni imposte dalla pandemia, dobbiamo trovare un percorso di interiorizzazione, di riconduzione all’essenziale riconoscendo Dio nell’umiltà dei segni e servendolo nei fratelli più in difficoltà. Inoltre, convinto davvero che è giunto il momento per la nostra conversione, dato che il nostro tempo è sempre compiuto, propongo che il giorno 15 di ogni mese, nella nostra Diocesi, sia dedicato in maniera particolare al sacramento della riconciliazione. Per questo suggerisco che questo appuntamento mensile venga preparato ed accompagnato con opportune catechesi sul peccato, sulla conversione e sulla misericordia di Dio nei nostri confronti e sulla nostra verso gli altri fratelli in modo da farlo diventare un percorso strutturato di formazione al fine di mettere al centro la misericordia di Dio nostro Padre. Invito tutti, dunque, i presbiteri, le comunità parrocchiali, le rettorie, i religiosi, i gruppi, i movimenti, le associazioni ad organizzarsi per facilitare i fedeli nell’accostarsi al sacramento della penitenza».

I contenuti e le modalità di svolgimento, con i diversi appuntamenti e le iniziative, con le celebrazioni e le manifestazioni verranno presentati in seguito. «Per il momento – conclude il vescovo nella lettera – disponiamoci a vivere quest’anno di grazia, prepariamolo e prepariamoci con la preghiera, perché sia una vera occasione e un’opportunità per ciascuno di noi e possa lasciare un segno profondo, il segno di Maria: del suo ascolto, della sua accoglienza, del suo servizio, della sua fede dentro di noi e dentro le nostre comunità».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi