Madonna della Salute    

Descrizione

Descrizione

A meno di un chilometro dal confine italo-svizzero di Villa-Castasegna, che sin dall’alto Medioevo segnava la frontiera tra la zona di influenza del vescovo di Coira e quella del vescovo di Como, sul versante sinistro della val Bregaglia, tra castagni, bosco ceduo e pietraie, gli abitanti del luogo, emigranti a Venezia, vollero costruire in località Chete un oratorio da dedicare “alla presentazione della Vergine santissima al tempio, festa da loro solennizzata, e battezzata ad una con l’oratorio Madonna della Salute a somiglianza del nobilissimo tempio fabbricato in Venezia e consacrato alla Madonna della Salute in tempo dell’ultima peste, acciò che, siccome quella popolata città fu liberata dal mal contagioso a causa del voto fatto alla Madonna della Salute, così ancora questi popoli per grazia della stessa Madonna della Salute siano preservati dal pestifero contagio dell’eresia, non tanto perché questi popoli sono l’ultimi della diocesi, quanto perché sono talmente vicini a Castasegna, prima terra d’eretici, che meglio sentino l’orologio e campane di questa che quelle di Santo Sebastiano sua matrice”.

La somiglianza tra le due chiese sta solo nella intitolazione, non certo nella ricchezza e grandezza dell’edificio di Venezia, progettato da Baldassarre Longhena, iniziato nel 1631 e consacrato nel 1687. Inoltre, se il santuario sulla laguna nacque come riconoscenza per la liberazione dal contagio della peste, quindi per una grazia materiale, quello di Villa fu voluto, almeno inizialmente e nelle motivazioni ufficiali, come presidio spirituale contro il dilagare della riforma protestante, che era stata abbracciata da tutta la Bregaglia a monte del torrente Lovero.

Le famiglie del luogo si impegnarono alla manutenzione della loro chiesetta e a dotarla delle suppellettili necessarie, per cui il prevosto Nicolò Foico il 21 ottobre 1716 la benedisse. Sul portale centrale in pietra ollare, sormontato da un rosoncino polilobato, è inciso: “Salus in periculis 1741”.

Sull’unico altare in marmi policromi è una pala raffigurante la Madonna con il bambino e san Giuseppe, additati da san Giovanni Battista che sta in piedi a sinistra in basso. Al centro della parte inferiore si scorge un paesaggio con una rocca fortificata, mentre a destra è il busto dell’offerente in preghiera: è Giovanni Sciuchetti, uno dei tanti Villesi a Venezia per lavoro.

Tele, artisticamente modeste ma importanti come testimonianza storica, sono quella del 1803 di Giovanni Hüdener di Urdereggen presso San Gallo, offerta dai Chiavennaschi per aver ottenuto la pioggia e quelle di Ferdinando Tafani del 1847 con la Presentazione al tempio e la Sposalizio della Madonna.

La festa della Madonna della salute si celebra nel piccolo santuario il 21 novembre, quando accorrono fedeli da tutta la Valle.

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
      LOCALITA' CHETE 23029 VILLA DI CHIAVENNA SO
  • Telefono
  • Regione
    Lombardia
  • Location
    VILLA DI CHIAVENNA

Location

Madonna della Salute    
Calcola percorso

Contatti

Madonna della Salute    
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Madonna della Salute    
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi