Maria SS. Mediatrice

Descrizione

Descrizione

La Chiesa di Santa Maria Mediatrice fu costruita nel 1934 sull’antica “Santa Maria delle Grazie fuori le mura in Via Foggia”. Affaccia su Corso Regina Margherita, dove ci sono edifici di significativo valore: il settecentesco Palazzo Tricarico e il cinquecentesco Palazzo d’Avalos, oggi sede del municipio.

Occupata agli inizi del 1700, come caserma di fanteria, gli storici affermano che nel 1725, per volere della principessa Giulia D’Àvalos e del principe Nicola, vi si stabiliscono “tredici donzelle pronte per iniziare la vita religiosa” (D. Vìzzari)      come Clarisse Francescane “sullo stesso sito dell’ex monastero delle donzelle oneste ,sotto il titolo di Santa Maria delle Grazie fuori le mura sulla via di   Fòggia”   (V. Bambacigno). Ma si sa anche che donna Anna D’Àvalos dona il 22.8.1938 al vescovo di Tròja un edificio dettto “Casa della Cappella di S. Maria delle Grazie lungo la strada provinciale Troia Foggia in prossimità del cimitero comunale” (lettera del vescovo A. Pirotto).
Andata in rovina dopo l’abbandono, la chiesa con l’intero complesso delle Clarisse Francescane nel 1927 viene concessa dal vescovo Farina al padre comboniano Bernardo Sartori (1897-1983), che restaura subito la vecchia chiesa, utilizzata come deposito, poi commissiona la slattici della Madonna (1928) all’intagliatore Stufflesser di Ortisei, raccomandandogli una riproduzione simile alla Madonna di San Sisto, realizzata da Raffaello. In seguito, restaura l’intero stabile per ospitare l’Istituto comboniano per le missioni africane.
La chiesa e tutto il complesso presentano un’architettura estranea al Centro Storico di Tròja. Essa risente pienamente dell’influsso delle pievi venete, luogo d’origine di padre Sartori.
Nella cappella dell’Istituto comboniano è conservato un interessante dipinto settecentesco su tela con l’immagine della Madonna col Bambino dell’artista Spanò, regalato a padre Sartori da una benefattrice nel 1930 di Torre Annunziata.

Santa Maria Mediatrice è la chiesa di Troia che possiede il maggior numero di campane, ben nove, di diversa misura e peso. Sono disposte a tre piani in un castello di ferro, e solo cinque di esse suonano elettricamente. Fuse dalla premiata fabbrica De Poli di Vittorio Veneto (casa fondata nel 1463) nel 1933, sono tutte ornate di altorilievi con simboli della Scrittura e della Liturgia.

Negli anni ’30, la cura della chiesa fu affidata alla Congregazione dei Missionari Comboniani. L’8 dicembre 1954 Mons. Giuseppe Amici, Vescovo di Troia e Foggia, ha dichiarato la parrocchia Santuario Diocesano. Con il passare degli anni, la devozione del popolo alla Mediatrice è cresciuta sempre più, anche con pellegrinaggi ed ex-voto.

Contatti

Contatti

Location

Maria SS. Mediatrice
Calcola percorso

Contatti

Maria SS. Mediatrice
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Maria SS. Mediatrice
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi