Nostra Signora del Latte Dolce

Descrizione

Descrizione

La costruzione del Santuario di Nostra Signora del Latte Dolce può essere collocata tra il 1177 e il 1190.

Poco dopo il Mille la si trova citata nel «condaghe», il registro degli atti patrimoniali del convento di San Pietro di Silki (dalla parte opposta della città), e in un altro condaghe, detto di San Gavino. Qui si racconta che gli abitanti del villaggio di Bosove diedero una mano per il trasporto in lettiga del sovrano del Logudoro, il giudice Comita che, malato di lebbra, si recava a Porto Torres per dedicare una chiesa ai martiri Gavino, Proto e Gianuario.  La lebbra era nel destino del villaggio perché poco tempo dopo, nel 1177, un successore di Comita, Barisone II, vi fondò un ospedale per la cura della terribile malattia dotandolo di terreni e di molti altri beni.  In quel periodo fu costruita anche la piccola chiesa, intitolata in origine a San Leonardo. La dedica alla Madonna del Lattedolce è venuta molto più tardi, quasi per caso. Agli inizi dell’Ottocento, quando l’ospedale non era più in funzione e l’edificio sacro era in rovina, iniziò a frequentarlo un uomo pio che voleva darsi all’eremitaggio. E, nel ripulire i muri, scoprì un affresco che rappresentava la Madonna in atto di allattare il Bambino.

Si gridò al miracolo, l’edificio fu ripristinato e, col nuovo nome, fu da allora frequentato e amato dai sassaresi. Lo raggiungevano in pellegrinaggio, percorrendo un sentiero di campagna, e così lo ricordano i più anziani. Il poeta Salvator Ruju, scomparso nel 1966, ha celebrato la «geisgiarédda», la chiesetta collocata in un luogo «di sirenziu e d’aimunia»; ma ha previsto anche che in breve tempo sarebbe diventata «una géisgia di periferia».

La chiesa, abbandonata nel Cinquecento, quando venne ritrovata, nel 1825, al suo interno conservava quasi intatta una lunetta dipinta raffigurante la Madonna che allatta il Bambino Gesù (risalente al XIV sec.). Il ritrovamento apparve miracoloso agli abitanti della borgata, che da lì in avanti cominciò ad essere chiamata “zona del Latte Dolce”.

La struttura originaria della chiesa, realizzata con conci di calcare tufaceo, presentava una navata unica con copertura a capriate lignee, della quale rimangono attualmente solo i fianchi meridionale e settentrionale ed esternamente, nel muro settentrionale, una serie di archetti pensili poggianti su peducci sagomati con figure antropomorfe, zoomorfe e motivi geometrici, risalenti al XIII secolo.

Al XIV secolo risale invece l’abside gotica quadrata, leggermente più bassa e stretta della navata.

Nell’Ottocento la chiesa venne voltata e la facciata venne ricostruita.

Con il restauro del 1954 l’edificio subì notevoli modifiche strutturali: la ricostruzione del tetto, sostituzione del piccolo campanile a vela con uno più grande, l’asporto dell’intonaco dalle pareti, la ricostruzione della bifora absidale e la costruzione di un portichetto rustico in corrispondenza dell’ingresso.

STORIA DELLA DEVOZIONE e PELLEGRINAGGI

Non sono molti, ormai, ad avere, a Sassari, ricordi precisi di quando il Latte Dolce era una chiesetta immersa nella campagna, accessibile soltanto attraverso un viottolo. Vi si svolgevano pellegrinaggi che per la durata ed il carattere del percorso, erano veri e propri atti di mortificazione. Soprattutto in ottobre dalla città si partiva all’alba per giungere alla chiesetta campestre in tempo per la prima Messa in modo che si potesse esser di ritorno per l’ora del lavoro.

Questi pellegrinaggi erano tanto più caratteristici in quanto vi partecipavano (recandosi a piedi) le gestanti o le madri che avevano partorito da poco, specialmente quelle che avevano qualche difficoltà per l’allattamento: si rivolgevano all’effigie di Nostra Signora del Latte Dolce, appunto mentre allatta Gesù, una singolare immagine in tutta la Sardegna ove raramente la Madonna è effigiata con tanta umanità. L’affresco, rinvenuto casualmente in mezzo ai rovi e tra le rovine di quella che probabilmente fu la chiesetta campestre più antica di Sassari (o almeno quella di cui si hanno più vecchie notizie), è ritenuto da allora miracoloso e venerato soprattutto dalle giovani madri.

Ora la chiesetta, ricostruita attorno a quella reliquia pittorica, è immersa, non più nella quieta campagna del “MONTE”, bensì in uno dei più frastornati ammassi di cemento armato del popolare quartiere, ma continua a mantenere la sua antica dignità tra palazzoni quasi tutti fatti in serie.

Nuovo Chiesa costruita per accogliere più pellegrini. Festa dell’incoronazione 7 Dicembre 1958. La Festa liturgica è 2° domenica di ottobre.

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
    VIA KENNEDY 1 07100 SASSARI SS
  • Regione
    Sardegna
  • Location
    SASSARI

Location

Nostra Signora del Latte Dolce
Calcola percorso

Contatti

Nostra Signora del Latte Dolce
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Nostra Signora del Latte Dolce
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi