Santuario diocesano Nostra Signora della Costa  

Descrizione

Descrizione

DIOCESI DI  VENTIMIGLIA – SAN REMO

 

LA  STORIA DEL SANTUARIO

Sul colle della Costa alto 107 m. s.l.m. al di sopra del nucleo dell’antica Civitas Sancti Romuli , verso la fine del 1300  fu costruito il primo oratorio dedicato alla Madonna  e dentro era conservata l’immagine della Vergine con Bambino detta della Costa ben presto divenne luogo di devozione dei fedeli  che la  veneravano   e ad essa si rivolgevano  con   fede profonda. La Santa Icona è attribuita a Nicolò da Voltri che la realizzò tra   il 1385 e il 1417 . Visto il continuo flusso di fedeli che frequentavano l’oratorio, fu l’intera popolazione a volere la nuova costruzione e aggiunse le proprie offerte a quella iniziale di UNO SCUDO D’ORO, da parte di un marinaio salvatosi da un naufragio.

Questo santuario è visibile anche a distanza e da sempre rappresenta, specie per i naviganti  un sicuro punto di riferimento materiale, oltre che spirituale.

Dal 1630 ( data ricordata da una iscrizione in facciata ) in cui la costruzione fu terminata ,il santuario è stato costantemente arricchito di opere d’arte: la cupola di stile michelangiolesco, le pregiate sculture del Maragliano a partire dal gruppo che contorna l’icona, i preziosi marmi e intarsi  degli altari, l’artistica pavimentazione a mosaico di ciottoli “risse” formanti motivi decorativi, per tutta l’estensione del sagrato e del viale antistante,  opera prettamente ligure e vi si scorge lo stemma di Genova e la data 1651. La porta è sovrastata dalla tribuna dell’organo realizzato nel 1839 dall’organaro Antonio Buzzoni.

Da notare anche la  Mater Dolorosa col Cristo  morto, pregevole opera lignea del XVI secolo di autore ignoto.

Il santuario è patrimonio culturale artistico della città e centro di devozione mariana salda da secoli.

A partire dal 1600 numerosissimi sono stati gli ex voto lasciati al santuario per esprimere il rendimento di grazie  alla madonna della Costa, In particolare   da naviganti, gente di mare e pescatori, grazie ottenute in mare a causa di burrasche o assalti corsari  ,per le più antiche, purtroppo a causa di un incendio e di furti ora  è rimasta sola una piccola raccolta a testimoniare la fede con cui i sanremaschi hanno fatto  ricorso alla Madonna  da secoli fino ai nostri giorni.

Oltre alle grazie ricevute sul mare, vari quadretti ritraggono le scene del pericolo scampato in casi di incendio, caduta, incidenti vari con attrezzi di lavoro , scontro di macchine, guarigioni di malattie; in particolare  è commovente il piccolo dipinto che ritrae un chierichetto che, salito sul campanile per suonare le campane, perso l’equilibrio precipita sul sagrato sottostante rimanendo illeso.

In tempi più recenti si usa lasciare cuori in argento per grazia ricevuta.

Sono stati terminati da poco, sotto la direzione dell’arch. De Valle e seguendo le  indicazioni della Sovrintendenza,  i lavori di restauro della facciata che hanno riportato l’aspetto esterno del Santuario all’antico splendore.

La  festa liturgica si celebra il 15 agosto ricorrenza della Vergine Assunta.

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
     PIAZZALE ASSUNTA 15  18038 SANREMO IM
  • Telefono
  • Regione
    Liguria
  • Location
    SANREMO

Location

Santuario diocesano Nostra Signora della Costa  
Calcola percorso

Contatti

Santuario diocesano Nostra Signora della Costa  
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Santuario diocesano Nostra Signora della Costa  
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi