S. Valentino sul Colle di Brenta

Descrizione

Descrizione

Il Santuario situato sul Colle di Brenta (m. 579), pare sia stata costruito ancor prima del 1259 come si deduce da un documento del Vescovo di Trento Egnone.

Il piccolo santuario è stato più volte restaurato nel tempo. Nel pavimento, a sinistra sotto il gradino, si legge la data 1289. L’abside è a tre lunette; sul soffitto ci sono gli affreschi al centro della Madonna col Bambino, a sinistra S. Valentino con ai piedi un epilettico, a destra S. Rocco; gli intermezzi fra le lunette sono ornati da angeli che portano lunghi nastri con parole latine scritte in gotico.

La scritta l’Ave Maria …” è del 1500 come dimostrano i sottostanti stemmi di Giacomo Trapp , che ebbe la chiesa nel 1463, e della Contessa Barbara. I Trapp, fondatori della dinastia di Caldonazzo, fecero restaurare la chiesa con il preciso intento di una prima separazione dalla Pieve di Calceranica. Il quadro dell’altare rappresenta S. Valentino e S. Carlo Borromeo e fu dipinto da Gioacchino Antonio Mayr nel 1759. L’altare e la statua sono dei 1628. La casetta adiacente una volta serviva da abitazione ad un eremita. Le cronache ricordano nel 1743 un Fra Iacopo da Torcegno e poi un Giuseppe Marchi da Modena.

Proprio davanti alla chiesetta, sul dorso del colle, passava anticamente la strada militare romana fatta costruire da Druso, che partendo da Altino, sulle rive dell’Adriatico, per Feltre, il Tesino e la Valsugana si dirigeva a Trento e proseguiva fino a Maia, in Alto Adige. Più avanti, il grande muro che si trova sulla sinistra del sentiero è il testimone dell’antico Castello dei Signori di Brenta, edificato probabilmente nel XII secolo e distrutto agli inizi dei 1300. Nella zona sono state rinvenute tombe romane con monete e un’epigrafe frammentaria cristiana, ora custodita nella Chiesa di Caldonazzo.

Il quadro dell’altare rappresenta San Valentino e San Carlo Borromeo e fu dipinto da Gioacchino e Antonio Mayr nel 1759. L’altare e la statua sono del 1628. Proprio davanti alla chiesetta, sul dorso del colle, passava anticamente la strada militare romana Via Claudia Augusta. Più avanti, il grande muro che si trova sulla sinistra del sentiero è testimone dell’antico Castello dei Signori di Brenta, edificato probabilmente nel XII secolo e distrutto agli inizi del 1300.

Nella zona sono state rinvenute tombe romane con monete e un’epigrafe frammentaria cristiana, ora custodita nella chiesa di Caldonazzo.

La Chiesa è visitabile per gruppi nel fine settimana, previa prenotazione.

Contatti

Contatti

Location

S. Valentino sul Colle di Brenta
Calcola percorso

Contatti

S. Valentino sul Colle di Brenta
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

S. Valentino sul Colle di Brenta
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi