San Francesco all’Immacolata

Descrizione

Descrizione
IL SANTUARIO DI SAN FRANCESCO D’ASSISI ALL’IMMACOLATA DI MESSINA
Da qualche anno lo storico tempio di San Francesco d’Assisi all’Immacolata di Messina, annesso
all’omonimo convento dei Frati Minori Conventuali, è stato eretto dall’Arcivescovo di Messina Lipari
Santa Lucia del Mela S. E. Mons. Giovanni Accolla a Santuario Diocesano per la sua importanza
religiosa, storica ed artistica.
La maestosa chiesa medievale, immortalata anche dal celebre Antonello da Messina nella tavola della
Pietà del Museo Correr di Venezia, risulta il più antico sito francescano di Sicilia, tanto che un tempo
nel prospetto del convento era posta la seguente iscrizione: MINORUM CONVENTUALIUM / S.
FRANCISCI COENOBIUM / IN SICILIA PRIMUM.
La presenza dei primi frati Minori a Messina rimonterebbe già al 1212, vivente ancora San Francesco
d’Assisi. Secondo la tradizione questi primi francescani, con a capo il beato Simone Aimone, si
stabilirono nella primigenia chiesa di San Leone papa per poi passare nel 1216 nella chiesa di
Sant’Orsola ove edificarono un primo convento lungo il torrente Boccetta, al tempo fuori dalle mura
della città.
Questa iniziale struttura ospitò nel 1221 per un breve periodo lo stesso Sant’Antonio da Padova reduce
dal naufragio che interruppe i suoi sogni missionari in Africa e sempre da questo luogo venne a sapere
della convocazione del celebre Capitolo delle Stuoie. Desideroso di conoscere frate Francesco partì
alla volta dell’Umbria proprio con alcuni frati della comunità messinese. Il grande Antonio da Padova
prima di lasciare la città dello Stretto fu protagonista di un particolare episodio. Il Santo portoghese
fece scavare un pozzo all’interno del chiostro ma rimproverato dal padre guardiano si volle flagellare
ed alcune sue gocce di sangue caddero sul pavimento della sua cella. Una mattonella in particolare si
macchiò in modo indelebile del suo sangue e divenne una delle più importanti reliquie della Città
dello Stretto.
A partire dal 1254, grazie a tre terziarie francescane appartenenti alla nobiltà messinese, le contesse
Violante Palizzi, Eleonora da Procida e Beatrice Belfiore, si iniziarono i lavori della nuova
monumentale chiesa e dell’annesso nuovo convento. La prima pietra fu benedetta a Napoli da papa
Alessandro IV il 5 gennaio 1255. Questo luogo sacro divenne ben presto uno dei più importanti di
Messina dopo la stessa Cattedrale, tanto da essere elevato in epoca aragonese anche al rango di
Cappella Reale ed accogliere il 28 luglio 1377 le spoglie mortali del re di Sicilia Federico IV in un
sarcofago di epoca romana raffigurante sul fronte il Ratto di Persefone. Nello stesso sepolcro verrà
sepolta anche la madre la regina Elisabetta di Carinzia ed i fratelli, i duchi di Randazzo, Guglielmo e
Giovanni.
Particolarissimo lo stile e l’architettura di questo monumentale edificio di fondazione angioina ad aula
unica, cappelle laterali, con soffitto ligneo e tre absidi semicircolari con altissime finestre. Nei secoli
i suoi altari vennero dotati di importanti dipinti, pregevoli statue e monumentali sepolcri funebri delle
più importanti famiglie della Città. Dall’imperatore Carlo V fu elevata nuovamente a Cappella Reale
ma dichiarandola anche MAGNA DOMUS MESSANENSIS e sede della provincia religiosa dei Frati
Minori Conventuali di Sicilia. Il grande sovrano fece altresì dono di una reliquia della Santa Croce
entro un reliquario in cristallo di rocca, oggi custodito nel Museo Regionale di Messina. Nel 1566 il
convento fu dotato di un monumentale chiostro offerto dalla più alta aristocrazia messinese, infatti
ogni capitello potava le insegne araldiche di una nobile famiglia peloritana. Il grande convento era
sede anche di una prestigiosa scuola di grammatica, logica e filosofia ma anche di discipline in diritto
canonico e teologia, dogmatica, etica, morale, greco e lingue orientali.
Antico ed importante il culto alla Vergine Immacolata, già al 1497 risale un primo altare dedicato a
questo particolare titolo mariano in cui fu collocata una antica tavola di ambito antonelliano che sarà
rivestita nel seicento da un manto argenteo. La devozione crebbe sempre più nei secoli tanto che a
metà seicento fu realizzata una splendida e grande statua processionale in legno. Lo stesso Senato di
Messina elevò l’Immacolata a Patrona Particolare della Città nel 1647. La statua dell’Immacolata fu
rivestita in lamina d’argento nel 1749 dagli eredi di Domenico Maiolino per un voto fatto alla Vergine
in occasione della peste del 1743 – 1745. Nella cintura argentea già nel settecento erano state inserite
delle pietre preziose provenienti dal monumento funerario della contessa Francesca Lanza Cibo.
Col tempo il Santuario verrà arricchito di stucchi, verranno trasformati gli archi ogivali a tutto sesto
e le cappelle laterali verranno arricchite di sculture e dipinti. Oltre ad esponenti della nobiltà cittadina,
il Santuario ospitò le tombe di artisti come Antonio Catalano il Giovane e Giova Battista Quagliata,
del beato Eletto da Messina, dello storico Giovanni Bonfiglio e Costanzo, della celebre Camiola
Turinga e dei vescovi francescani Pietro Calderone, patriarca di Antiochia, e Silvestro Todaro,
vescovo di Patti.
Danneggiata nei terremoti del 1693 e del 1783 fu ampiamente restaurata. Il 1866 segnerà la cacciata
dei frati per la soppressione degli ordini religiosi e la trasformazione del grande convento in sede
dell’Intenza di Finanza. Qualche anno dopo, il 23 luglio del 1884, la chiesa fu colpita da un devastante
incendio doloso che in poche ore distruggerà la totalità delle opere d’arte presenti al suo interno. Le
fiamme risparmiarono prodigiosamente la statua dell’Immacolata e quella di Sant’Antonio di Padova,
le opere in marmo come la Madonna degli Angeli di Antonello Gagini, la tomba dell’ammiraglio
Balsamo, il sarcofago reale di Elisabetta d’Aragona e il monumento in bronzo dorato della contessa
Lanza Cibo. Al Museo erano già stati trasferiti i preziosi dipinti cinquecenteschi della Deposizione
del fiammingo Colijn de Coter e della Madonna dell’Idria del toscano Alessandro Allori. Restaurate
le strutture e ricostruito il tetto su direzione di Giuseppe Patricolo, la chiesa in questa occasione
riprese le sue forme architettoniche originali. Il terremoto del 1908 era già alle porte ed in pochi
secondi ridusse in grandi rovine il colossale tempio di arte e fede ma ben presto risorse dalle sue
macerie leggermente spostata verso il Boccetta grazie al progetto degli ingegneri Letterio Savoia e
Antonino Marino e all’opera della ditta Fratelli Cardillo. Con l’alta sorveglianza della Soprintendenza
ai Monumenti furono rimontati fedelmente le absidi ed i portali ed il resto della struttura riproduceva
fedelmente l’originale. La chiesa fu aperta al culto ufficialmente il 25 novembre del 1928 alla presenza
di importanti reliquie di San Francesco fatte venire appositamente da Assisi. Il tempio però fu
spogliato delle importanti opere sopravvissute all’incendio ed al terremoto per essere trasferite al
Museo Regionale ad eccezione della venerata statua dell’Immacolata, della statua lignea di
Sant’Antonio e di quella in lamina d’argento già nella limitrofa chiesa di Sant’Antonio. Nel giardino
esterno successivamente fu ricostruito un pozzo in memoria di quello scavato da Sant’Antonio e fu
riportata dal Museo una bella statua marmorea del Santo. La Reliquia della Mattonella invece fu
ritrovata prodigiosamente nelle rovine del tempio da Sant’Annibale Maria Di Francia che la custodì
finchè non ritornarono a Messina i frati Minori Conventuali. Negli anni novanta fu montato
nell’abside maggiore l’altare utilizzato da San Giovanni Paolo II per la canonizzazione a Messina l’11
giugno 1988 di Santa Eustochia Smeralda Calafato mentre dopo un concorso nazionale fu affidato al
Tiburzi la realizzazione del moderno Crocifisso in bronzo che decora lo stesso altare, denominato il
Cristo dei Minori.
Questo storico luogo di fede rimane un punto di riferimento religioso della Città e dell’intera
Arcidiocesi. Ogni anno molto sentita e partecipata la novena e la solennità dell’Immacolata con la
processione dell’antico simulacro per le vie di Messina. Molto partecipata la Messa di Natale che si
conclude con la tradizionale processione del Bambinello a cura della locale Confraternita di Santa
Maria della Luce. Sant’Antonio da Padova viene particolarmente festeggiato con una processione che
si svolge nel suo giorno dopo la consueta preparazione della Tredicina. Non manca l’annuale omaggio
del Sindaco e delle Autorità cittadine al Patrono d’Italia con deposizione di una corona di alloro
presso la statua posta all’esterno del Santuario ed offerta dell’olio durante la celebrazione eucaristica,
mentre la vigilia si celebra il Transito di San Francesco con la presenza di tutte le famiglie francescane
della Città.
Il Santuario è riferimento anche di tante associazioni e movimenti come il locale Gruppo Scout Agesci
Messina 1, il Gruppo Scout Masci Messina 3, la Milizia dell’Immacolata, il Terz’Ordine Francescano
e la Confraternita Santa Maria della Luce. Da anni si svolge al suo interno il pranzo di Natale della
Comunità di Sant’Egidio.
Il 16 novembre 2019 l’Arcivescovo  Mons. Giovanni Accolla ha conferito il titolo di Santuario a questo antico tempio cittadino.
Marco Grassi

Contatti

Contatti

Location

San Francesco all’Immacolata
Calcola percorso

Contatti

San Francesco all’Immacolata
  • Da Padre Mario
  • Email: marim141@libero.it

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

San Francesco all’Immacolata
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi