Casa del Martirio di S. Maria Goretti

Descrizione

Descrizione
Il santuario è stato eretto nell’antico casale di proprietà dei conti Gori Mazzoleni, occupato dalla famiglia di Santa Maria Goretti dopo il trasferimento nell’Agro pontino. L’edificio, risalente al XVIII secolo, è situato a Ferriere di Conca (l’attuale Borgo Le Ferriere), estrema propaggine nord-occidentale del comune di Latina al confine con Nettuno.
Qui la dodicenne Maria Goretti subì il martirio il 5 luglio 1902 per mano del coinquilino Alessandro Serenelli. Il casale, denominato comunemente “Cascina antica”, fu acquistato insieme all’edificio adiacente e al terreno annesso nel 1951 dalla Congregazione dei Passionisti. Ridotto in pessime condizioni, fu restaurato nel 1952 grazie alla generosità del cardinal Francis Spellman, arcivescovo di New York, e di altri. In occasione della visita pastorale del papa San Giovanni Paolo II, avvenuta il 29 settembre 1991, il santuario è stato di nuovo sottoposto a restauro.
Maria Teresa Goretti (Corinaldo, 16 ottobre 1890 – Nettuno, 6 luglio 1902) è venerata come santa e martire dalla Chiesa cattolica. Vittima di omicidio a seguito di tentato stupro, fu canonizzata nel 1950 da papa Pio XII con il nome di santa Maria Goretti.

L’infanzia 

La famiglia Goretti, originaria di Corinaldo nelle Marche, era composta dai coniugi Luigi Goretti e Assunta Carlini e dai loro sei figli vivi: Angelo, Mariano, Alessandro, Maria Teresa, Ersili e Teresa; un settimo figlio, Antonio, il primogenito, era morto a pochi mesi. La vita della giovane Maria, fino al suo omicidio, non fu diversa da quella dei figli di molti lavoratori agricoli che dovettero lasciare le proprie terre per cercare sostentamento altrove: bassa o quasi nulla scolarizzazione, analfabetismo denutrizione, lavoro casalingo o nei campi fin dall’infanzia, mortalità infantile, malaria ed epidemie di malattie infettive. Le Paludi Pontine erano all’epoca zona infestata dalla malaria, con un altissimo tasso di omicidi e fatti di sangue e condizioni di vita assolutamente misere.

Il martirio

La casa dove Maria Goretti fu uccisa. È in tale contesto sociale che maturò il tentativo di stupro e, a seguire, l’omicidio della giovane contadina. I Goretti, in cerca di una migliore occupazione, si trasferirono dapprima a Paliano (nei pressi di Frosinone), ove conobbero i Serenelli, famiglia marchigiana composta dal padre e da due figli, con la quale strinsero rapporti di collaborazione e buon vicinato. In seguito i Goretti e i Serenelli si trasferirono insieme alle Ferriere di Conca Cascina Antica nel comune di Cisterna, in provincia di Roma. Nel 1900 Luigi Goretti morì di malaria. Il capofamiglia dei Serenelli era vedovo da anni oltre che debilitato da anni di lavori pesanti e dalla malaria; la collaborazione tra le due famiglie si fece ancora più stretta.
La costante frequentazione dell’undicenne Maria spinse l’ultimogenito dei Serenelli, Alessandro, all’epoca diciannovenne, a tentare approcci di natura anche sessuale nei suoi confronti, che raggiunsero il culmine nell’estate del 1902: il 5 luglio, dopo un ennesimo tentativo di stupro fallito, Serenelli tentò di violentare la bambina e, di fronte alle sue grida ed alla sua resistenza al «brutto peccato», la ferì più volte con un punteruolo. Maria Teresa venne trasportata all’ospedale Orsenigo di Nettuno; la morte non sopravvenne subito, ma il giorno successivo, per le complicazioni di un intervento chirurgico senza anestesia, si aggravò morendo poi di peritonite. La cronaca narra che, dopo aver ricevuto l’estrema unzione tra le insistenze di un sacerdote e di alcune suore che lavoravano in ospedale, la bambina perdonò il suo assalitore.
Le esequie vennero celebrate l’8 luglio 1902 nella cappella dell’ospedale, oggi chiesa parrocchiale di Santa Barbara Vergine e Martire di Nettuno, conosciuta sotto il nome di chiesa della Divina Provvidenza, e il corpo della bambina tumulato nel cimitero comunale.

Il pentimento del suo assassino

Alessandro Serenelli fu condannato a 30 anni di reclusione. Ospite nel carcere giudiziario di Noto dal 1902 al 1918 iniziò qui il suo cammino di pentimento e conversione, incoraggiato dal vescovo di Noto del tempo, mons. Giovanni Blandini. Secondo quanto da egli stesso raccontato anni dopo, avrebbe tentato una riconciliazione con la famiglia e i propri dettami religiosi dopo avere sognato la sua vittima che gli offriva dei gigli che si trasformavano in fiammelle. Nel 1929, dopo 27 anni di reclusione, Serenelli fu scarcerato e chiese il perdono dei familiari di Maria Goretti. La madre glielo accordò. Dopo tale episodio, Serenelli trascorse il resto della sua vita come lavorante laico in un convento di cappuccini ad Ascoli Piceno e morì il 6 maggio 1970, a 88 anni, in un convento di Macerata.

La canonizzazione

Già durante il Fascismo Maria Goretti iniziò a divenire oggetto di culto tra gli strati meno istruiti della popolazione, in particolare proprio quelli rurali, e lo stesso regime cercò di cavalcare questa devozione popolare per favorire la nascita di un’icona cara ai contadini; una volta caduto prima il fascismo e poi la monarchia sabauda, nel 1950, in pieno periodo di affermazione di un nuovo ruolo femminile in seno alla famiglia e alla società, l’immagine di Maria Goretti fu adottata a simbolo di una visione tradizionale della donna, obbediente e dedita alla maternità e al lavoro domestico e, in tale chiave, additata a esempio anche dalla Chiesa cattolica: la canonizzazione avvenuta a opera di Pio XII precedette di poco la proclamazione del dogma dell’Assunzione di Maria.
L’11 dicembre 1949 Pio XII riconobbe come miracolose due guarigioni attribuite all’intercessione di Maria Goretti: quella di Giuseppe Cupe da un grave ematoma (8 maggio 1947) e quella di Anna Grossi Musumarra da pleurite (11 maggio dello stesso anno).
La cerimonia di canonizzazione si tenne il 24 giugno 1950 a piazza San Pietro nella Città del Vaticano e il giorno di commemorazione istituito fu il 6 luglio, anniversario della morte della giovane contadina. A motivare la sua canonizzazione sarebbe stato, a parte la resistenza opposta al tentativo di stupro e il citato perdono concesso al suo assalitore, il proposito fatto a 11 anni al momento di ricevere la prima comunione che, secondo l’agiografia, sarebbe stato «di morire prima di commettere dei peccati»
Il corpo e le reliquie di Maria Goretti sono conservati a Nettuno, nel santuario di Nostra Signora delle Grazie.

Contatti

Contatti

Location

Casa del Martirio di S. Maria Goretti
Calcola percorso

Contatti

Casa del Martirio di S. Maria Goretti
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Casa del Martirio di S. Maria Goretti
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi