Madonna degli Emigrati

Descrizione

Descrizione

Il Santuario degli Emigranti (1902-1906)

        Il Santuario, dedicato alla Madonna degli Emigranti, sorge a 1100 metri di quota, immediatamente sovrastante Gaggio. Fu edificato sul crinale dove corre l’antica strada confinaria, che collega ancor oggi Monte Castello col Monte Belvedere nel Lizzanese, e posta tra la provincia e archidiocesi di Bologna e la provincia e archidiocesi di Modena. In una zona, il cui popolamento risale almeno all’età longobarda (“runcus ducis”), e che fu per secoli teatro di aspre lotte tra bolognesi e modenesi per il controllo politico del confinante Frignano.
La costruzione del Santuario, che sorge in parte in territorio modenese e in parte in territorio bolognese, fu voluta dall’arciprete di Gaggio mons. Carlo Emanuele Meotti che, con illuminata sensibilità pastorale, lo propose come simbolo di pace fra le due comunità e, soprattutto, come punto di riferimento per gli emigranti. In particolare furono le offerte inviate dagli emigranti dei territori di Gaggio e di alcune frazioni del comune di Montese (Castelluccio di Moschea e Maserno), che ne permisero l’edificazione.
La prima pietra del Santuario fu posta l’8 settembre del 1902 (festa votiva per la liberazione dal colera del 1855, e inaugurato nel 1906 dal card. Domenico Svampa arcivescovo di Bologna. Oggi è di proprietà della Casa della divina Provvidenza di Torino (Cottolengo), per disposizione testamentaria olografa di don Meotti redatta il 16 ottobre 1919.
Oggi il complesso si presenta come era stato ideato in origine. La chiesa, probabilmente progettata dallo stesso Meotti, con pianta a T rovesciata (il braccio verticale s’innesta in quello orizzontale), “si presenta in forme decisamente insolite e innovative per quei primissimi anni del secolo” (L. Samoggia), che annunciano già il gusto neomedievale di tanta successiva architettura chiesastica. L’edificio è posto su un’ampia superficie balconata cui si accede, dal lato occidentale per una grande scalinata. Il prospetto principale, rivolto a sud, immediatamente visibile quando non era schermato dall’attuale vegetazione, è ora difficilmente percepibile nella sua semplice, seppur contenuta, maestosità conferitagli dal profondo pronao aperto su tre lati, il principale affacciatesi sulla valle, cui si affiancano le superfici delle cappelle laterali. Ancora sul lato ovest e addossato all’abside poligonale, si erge il campanile riportato dagli ultimi interventi al suo stile medievaleggiante di torre merlata. L’interno, è articolato in tre vani: due laterali, di minore profondità e quello centrale più ampio. A destra è l’altare con la statua di San Raffaele Arcangelo che tiene per mano il piccolo Tobiolo, prototipo dell’angelo custode e patrono dell’amore sponsale e della salute, dei viandanti e degli emigranti. La statua, in gesso policromo dei primi del Novecento, essendo rimasta intatta pur nella distruzione della chiesa per i cannoneggiamenti del 1944-45, fu considerata miracolosa dai soldati brasiliani che se ne impossessarono per portarla in Brasile. Solo per l’energico intervento del comandante, avvertito da un gaggese, l’immagine fu restituita e, dopo la ricostruzione postbellica, ricollocata al suo posto. La cappella maggiore, con abside poligonale illuminata da due finestre ogivali, è dedicata agli Emigranti; qui è collocata La fuga in Egitto della Sacra Famiglia, dipinto ad olio su tela copia dell’originale andato distrutto. Questa immagine fu scelta da Meotti come prototipo di coloro che, per i motivi più vari, sono costretti ad emigrare.
I locali sottostanti, in parte scavati sotto il piano stradale, furono realizzati per l’accoglienza di pellegrini e viandanti. A sinistra della facciata, sotto la scalinata d’accesso è ancora possibile vedere il piccolo rifugio con camino, secondo lo stile del Club Alpino Italiano del quale Meotti fu socio.
Ai piedi della rampa posta sul lato est dell’edificio, è collocata la statua di Sant’Isidoro agricoltore, realizzata in sostituzione di quella andata distrutta per eventi bellici da Marco Aldo Brasa.
La festa della Madonna degli Emigranti, curata dal Comitato che ne ha promosso i restauri, si celebra solitamente la seconda domenica di luglio con la celebrazione della santa messa il mattino e, nel pomeriggio, con la recita dei vespri e la processione attorno al Santuario.
Nel pronao, ai lati della porta d’ingresso, sono affisse due iscrizioni: una ricorda la visita, l’11 ottobre 1992, del presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro; la seconda ricorda la costituzione, nel Santuario, del primo nucleo della brigata partigiana Giustizia e Libertà. Una terza, affissa nel pronao, ricorda il primo centenario – 21 luglio 2002 – della fondazione del Santuario con la presenza del card. Giacomo Biffi e delle autorità civili dei due Comuni.
Il 19 marzo 2009, l’intero complesso è stato dichiarato Monumento di interesse storico-artistico dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, direzione regionale dell’Emilia Romagna, secondo il progetto della dott.sa Daniela Sinigallesi, funzionario responsabile della Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici per la provincia di Bologna, Modena e Reggio Emilia.

di Marco Cecchelli

Fonte: http://www.insiemetraparrocchie.it/

Contatti

Contatti

Location

Madonna degli Emigrati
Calcola percorso

Contatti

Madonna degli Emigrati
  • Da comunicazione
  • Email: comunicazione@papagiovannisottoilmonte.org

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Madonna degli Emigrati
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi