Madonna delle Porrine  

Descrizione

Descrizione

Le origini del santuario risalgono allo sbarco dei corsari nella rada di Ospedaletti (1594): durante l’incursione settanta abitanti della zona venivano fatti prigionieri e derubati. Dopo quell’episodio, gli abitanti erigono una cappella, mentre il Senato genovese fa costruire una torre quadrata di avvistamento per prevenire eventuali altri attacchi di pirateria.

Il grande afflusso di pellegrini rende subito necessario ingrandire il primitivo edificio. Nella seconda metà del XVIII secolo vengono portati a termine i lavori di ricostruzione del complesso religioso (1768-1817). L’attuale chiesa delle Porrine, che presenta una pianta a croce greca, viene consacrata a santuario nel 1858. Le decorazioni barocche della facciata e l’adiacente casa per i pellegrini sono ottocentesche.

Il nome e l’intitolazione “Porrine” deriverebbe, secondo alcune supposizioni, dal rio omonimo che scorre nelle vicinanze del santuario o molto più probabilmente da una varietà dei fiori della famiglia delle gigliacee, le porrine appunto.

Si edificò pertanto una primitiva cappella in località Porrine, ma il sempre più crescente afflusso dei pellegrini porteranno, a breve, all’edificazione di un nuovo edificio di culto; i lavori intrapresi nel 1768 si conclusero definitivamente nel 1817 e consacrato nel 1858.

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
    VIA DELLE PORRINE  18014 OSPEDALETTI IM
  • Regione
    Liguria
  • Location
    OSPEDALETTI

Location

Madonna delle Porrine  
Calcola percorso

Contatti

Madonna delle Porrine  
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Madonna delle Porrine  
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi