Madonna di Caravaggio

Descrizione

Descrizione
Il Santuario della Madonna di Caravaggio in Codogno sorge nel luogo dove esisteva una cappellina con l’immagine della “Presentazione di Maria Vergine al Tempio “(XII sec.).
Successivamente, il sacerdote Don Giuseppe Dragoni, comproprietario del fondo, fece restaurare la cappelletta incaricando il pittore codognese Giovanni Battista Scarpino (detto il Bianchino) di raffigurarvi l’immagine miracolosa della Madonna di Caravaggio, la cui venerazione andava sempre più diffondendosi nel territorio della nostra Bassa.
“Crebbe così rapidamente di fama presso le semplici genti del contado il sacello riedificato dal Dragoni; la fede ardente vi avviava la folla di afflitti ed infermi, ed a questi e a quelli faceva conseguire guarigione e conforto; cosi che copiosissime vi affluivano le divizie dei doni ex voto: lino, filati, zendadi luogo di ori e di argenti, risultavano la espressione veritiera dell’unanime sentimento dei poveri e degli umili” (G. Cairo, Codogno e il suo territorio; 1897).
A seguito delle numerose guarigioni, per comando del Vescovo, si esperisce l’esame canonico del caso, che portò in breve all’avvio del progetto. Quando era parroco Don Bartolomeo Rota, fu incaricato l’architetto codognese Carlo Antonio Albino(1671) discepolo dell’architetto Giovanni Battista Barattieri, di redigere il progetto dell’attuale Tempio.Con la posa della prima pietra, il 13 settembre 1711 (in occasione del Santissimo Nome di Maria), iniziò la costruzione sotto la guida del capo maestro Giovanni Battista Calzio che completò l’opera in tre anni. Il Santuario fu aperto al pubblico culto nel 1714.Il tempio si poté dire finito nel 1838, specie per l’opera dei sacerdoti Carlo Guaitamacchi e Bortolo Mola, grazie ai contributi copiosi dei numerosi fedeli e devoti.
La chiesa presenta tutti i requisiti della buona estetica costruttiva. L’attico eccelso, il duomo a cupola ed il campanile a cupolino ellittico, si susseguono verso l’alto in splendida armonia. Il prospetto in tre piani svolge nell’inferiore e nel medio lo stesso motivo architettonico, a lesene, a nicchie ed a frontoni.
L’interno è a croce latina con le braccia laterali sensibilmente accorciate. Leggera, alata, si erge la cupola. Dalla navata centrale si accede alla cripta sotterranea, per essere accolti dall’abbraccio di un sottoportico ad otto archi.
La luce domina l’ambiente seppur in penombra: dalla balaustra all’altare, dagli archetti finemente lavorati al pavimento. L’ipogeo qui ricavato è ricco di finiture policromatiche, sviluppate sui diversi piani dell’edificio, ottenendo così un effetto globale che amplifica gli spazi limitati.
Dietro l’altare troviamo la piccola statua della Madonna raccolta in una nicchia, ancora oggi meta di tanti fedeli che affidano le proprie preghiere, nella semplicità di un luogo che è oggi come nel passato sempre espressione della più semplice e genuina religiosità popolare.

Contatti

Contatti

Location

Madonna di Caravaggio
Calcola percorso

Contatti

Madonna di Caravaggio
  • Da Redazione
  • Email: info@sloginweb.com

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Madonna di Caravaggio
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi