Nostra Signora del Popolo

Descrizione

Descrizione
Il santuario della Madonna del Popolo si erge in cima alla collina di Cherasco e si affaccia sulle belle montagne circostanti. L’inizio della costruzione della chiesa, progettata da Sebastiano Taricco, con la collaborazione degli architetti Rocca e Crappa, si data al 1693 e già nel 1702 risulta essere ultimata.
Nei pressi dell’attuale santuario esisteva, sin dal XIII secolo, una chiesa intitolata alla Madonna del Popolo, abbattuta per far posto all’attuale edificio liturgico. Ciò spiega perché, accanto alla dedicazione di Nostra Signora del Popolo, talvolta appaia, se pur raramente, quella di Madonna del Popolo.
L’edificio, con l’imponente facciata in mattoni a vista, mancante verosimilmente dell’intonaco finale ed ornata da due ordini di colonne, chiude scenograficamente, come una quinta architettonica, via dell’Ospedale.
Il santuario si caratterizza per la complessa pianta poligonale su cui si innestano il presbiterio, il coro e l’imponente cupola. L’interno, in cui prevale l’utilizzo di toni chiari, in particolare del bianco e del rosa, è determinato dalla collaborazione di Taricco, progettista e disegnatore anche delle decorazioni, di Domenico Beltramelli, esecutore degli stucchi, e di Giancarlo Aliberti a cui si devono gli affreschi dei santi agostiniani, della Gloria di sant’Agostino e dell’Assunta, datati ad inizio Settecento. Ai lati del presbiterio trovano posto le statue lignee raffiguranti San Giuseppe e San Giovanni Evangelista e due tele opera di Pietro Metey provenienti dall’Eremo dei Camaldolesi, mentre il coro è ornato dalla Madonna con i santi Solutore, Avventore ed Ottavio di Taricco e dalla Madonna e santa Chiara da Montefalco di Pietro Paolo Operti. Tra le cappelle laterali, profondamente rimaneggiate nel corso dell’Ottocento per volontà dei padri Somaschi, spicca quella del Rosario, in cui ha sede la statua lignea della Madonna contornata dalla rappresentazione dei Misteri del Rosario.
Con l’abbandono dei Somaschi, la chiesa è stata inserita tra i santuari diocesani nel 1988 e più recentemente è stata oggetto di un completo restauro.

fonte: https://www.cittaecattedrali.it/it/bces/266-santuario-della-madonna-del-popolo

 

Eventi e dati cronologici rilevanti
1709: consacrazione alla Beata Vergine Assunta. / 1818: prime attività della confraternita del Rosario. / 1838: costruzione dell’altar maggiore come ex voto della città. / 1843: la chiesa diventa sede canonica della confraternita del Rosario.
Oggetto del culto
Statua lignea e dorata della Madonna del Rosario datata al XVII secolo e trasportata nel santuario nel 1818.
Altri elementi notevoli nell’edificio del Santuario:
“Adorazione dei Magi” e “Adorazione dei pastori” del pittore lionese Pietro Metey (1755). / Dipinti settecenteschi di Giovanni Claret. / Cappella della Madonna del Rosario con la statua del Suffragio.
Festività principale: 15 ottobre
Coincidenza liturgica: Madonna del Rosario
Rituali
Ancora oggi si continua a svolgere, ogni sette anni, il rito dell’incoronazione della Madonna del Rosario a Regina di Cherasco. Già nel 1688 la città di Cherasco aveva dedicato alla Madonna del Rosario un arco trionfale su progetto di Giovenale Boetto.

fonte: https://www.piemontesacro.it/santuari_cuneo/santuario_nostra_signora_del_popolo_cherasco.htm

foto: Marcello Karra

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
    VIA NOSTRA SIGNORA DEL POPOLO 7, 12062 CHERASCO CN
  • Telefono
  • Regione
    Piemonte
  • Location
    CHERASCO

Location

Nostra Signora del Popolo
Calcola percorso

Contatti

Nostra Signora del Popolo
  • Da comunicazione
  • Email: comunicazione@papagiovannisottoilmonte.org

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Nostra Signora del Popolo
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi