Madonna di Ceri

Descrizione

Descrizione
La Chiesa dell’Immacolata Concezione di Ceri è diventata il Santuario Mariano Diocesano il 7 dicembre 1986 per volere dell’allora vescovo di Porto Santa Rufina, Mons. Diego Bona, con il titolo “Santuario Madonna di Ceri”.
Alcune fonti affermano che la chiesa sia stata dedicata alla Madonna fin dall’inizio. È certo che già nel XVII secolo fosse intitolata alla Immacolata Concezione (de ecclesia Parochiali S.Mariae Conceptionis), prima quindi che nel 1854 venisse proclamato il dogma. Questo risulta da documenti di visite pastorali a Ceri del vescovo di Porto e Santa Rufina nel 1661 e nel 1682.
Diventa  Santuario Mariano Diocesano il 7 dicembre 1986 per volere dell’allora vescovo di Porto-Santa Rufina, Mons. Diego Bona, con il titolo “Santuario della Madonna di Ceri”, con riferimento all’ icona della Madonna con Bambino venerata nella chiesa. Il 24 aprile 1992 Papa Giovanni Paolo II benedice la corona d’oro offerta dai devoti per ornare l’icona, corona che oggi non è più nel quadro, riportato allo stato originario.
Il titolo di Madre di Misericordia è dato dal Vescovo di Porto-Santa Rufina Mons. Antonio Buoncristiani: il 7 aprile 1999 firma un decreto che stabilisce la festa della Madre di Misericordia, Patrona della Diocesi, per il sabato seguente la festa della Natività  di Maria, che è l’8 settembre.
Il cuore del Santuario è la cappella dedicata alla Madonna, dove troviamo la  bella immagine di “Nostra Signora di Ceri, Madre di Misericordia”. È una tavola lignea, dipinta a tempera di scuola senese, databile alla fine del XV secolo o ai primi del XVI secolo. Ritoccata più volte nei secoli, conserva fondamentalmente la struttura originaria. Restaurata l’ultima volta nel 1963, fu  rubata successivamente e poi recuperata dalla Polizia di Stato.
La porta d’accesso alla chiesa nella cappella di transetto, è la Porta Santa del Giubileo della Misericordia, che è stata aperta il 13 dicembre p.v. alle ore 17.00, alla presenza del nostro Vescovo Mons. Gino Reali, del Parroco don Riccardo Russo e da una folta schiera di parrocchiani.

Fonte: http://www.parrocchiagiustiniana.it/ceri

 

L’immagine della Madonna

L’immagine della MADONNA COL BAMBINO è venerata in questa Chiesa e nel Santuario dai tempi più remoti. Quando l’antica comunità etrusco-romana si convertì alla religione cristiana, si rivolse sempre con fiducia alla Vergine Maria e anche quando la rocca divenne fonte di contese fra vari principi subendo numerosi assedi, la devozione alla Madonna di Ceri non venne mai meno.
Il quadro della Madonna (posto nella seconda cappella della navata di sinistra del Santuario) di scuola senese del 1400 è artisticamente pregiato. Il titolo “Madonna di Ceri” venne mutato in “Madonna della Concezione” e infine, nel 1836, in quello di “Immacolata Concezione”.
Il 7 Dicembre 1986, l’allora Vescovo della Diocesi, Mons. Diego Bona, eleva la Chiesa a Santuario Mariano Diocesano con il titolo Santuario Madonna di Ceri.
Il 24 Aprile 1992, il Papa Giovanni Paolo II benediceva la corona d’oro offerta dai devoti, e infine il 7 Aprile 1999 il Vescovo Antonio Buoncristiani istituì, con decreto episcopale, la festa di Nostra Signora di Ceri, Madre di Misericordia, Patrona della Diocesi da celebrarsi il sabato seguente la Festa della Natività di Maria.
Il 6 Maggio 2002, giorno seguente l’entrata in Diocesi, Ceri vide il nuovo Vescovo, Mons. Gino Reali, ai piedi della Madonna di Ceri, affidare il suo ministero episcopale.

Fonte: http://www.borgodiceri.it/BORGODICERI/parrocchia.htm

Contatti

Contatti

Location

Madonna di Ceri
Calcola percorso

Contatti

Madonna di Ceri
  • Da comunicazione
  • Email: comunicazione@papagiovannisottoilmonte.org

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Madonna di Ceri
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi