S. Liberatore Vescovo e Martire

Descrizione

Descrizione
Il santuario di San Liberatore si trova a circa 3 km a sud-ovest del centro abitato di Ariano Irpino, nell’Appennino campano. Il santuario sorge nell’omonima contrada a un’altitudine di 505 m s.l.m. su di un colle rivestito di oliveti; la località è infatti interamente ricompresa nell’area di produzione dell’olio extravergine di oliva Irpinia – Colline dell’Ufita.

Storia

Le origini del santuario sono assai antiche sebbene manchino attestazioni certe negli scritti medievali. Tuttavia fin dal Seicento è documentata la tradizione secondo cui l’edificio sarebbe stato eretto nel luogo del martirio, avvenuto agli inizi del IV secolo, di san Liberatore vescovo; le spoglie del santo, inizialmente sepolte in loco, sarebbero state poi traslate nella chiesa di Santa Sofia in Benevento (distante alcune decine di chilometri) per volontà del principe Arechi nel corso dell’VIII secolo. In effetti in epoca longobarda il luogo sacro acquisì una certa rilevanza strategica in quanto ubicato lungo un antico tracciato che univa Benevento, capitale dell’omonimo ducato, al borgo fortificato di Ariano che i Longobardi stessi avevano fondato e che presto elevarono a sede di gastaldato.
Pare che in prossimità del santuario fosse stato eretto anche un monastero benedettino, andato poi distrutto nel 1139 durante il vittorioso assedio normanno condotto da re Ruggero II al castello di Ariano (divenuto ormai sede dell’omonima contea), ove l’anno successivo vi dimorò e vi tenne le celebri Assise. Viceversa la chiesa di San Liberatore dovette mantenersi vitale, conservando la propria autonomia anche nei secoli successivi; i reperti più antichi esistenti all’interno del santuario, ossia le due statue lignee dei compatroni san Liberatore e sant’Elzeario, risalgono infatti al periodo compreso tra il Trecento e il Cinquecento mentre fu solo dal 1451 che l’edificio sacro venne a costituire un santuario capitolare alle dirette dipendenze della cattedrale di Ariano, il cui clero riservò comunque molte attenzioni al luogo sacro. Nel Cinquecento, allo scopo di agevolare l’imponente afflusso di pellegrini, si provvide a realizzare la fontana del Brecceto quasi a metà strada tra il santuario e il centro abitato di Ariano, mentre nel 1670 il Capitolo della cattedrale provvide ad ampliare la chiesa al fine di assicurare le opportune cure pastorali al territorio rurale circostante.
Anche in epoca moderna la devozione popolare verso san Liberatore si è mantenuta su livelli assai elevati: nell’Ottocento è attestata la presenza di un’immensa quantità di ex-voto stipati all’interno del santuario mentre talune vestigia di fondamenta rinvenute nei pressi furono attribuite all’antico convento benedettino. Il terremoto del 1930 causò danni strutturali piuttosto gravi che le successive riparazioni non furono in grado di risolvere in modo definitivo; ad ogni modo la parrocchia di San Liberatore vescovo e martire fu formalmente istituita il 1º gennaio 1958. Il riconoscimento giuridico giunse il 20 maggio 1960, ma due anni più tardi l’ormai vecchissimo santuario fu irreparabilmente devastato dal sisma del 1962. Tra molte difficoltà, mentre i lavori di ricostruzione erano ancora alle fasi iniziali, nel 1977 la parrocchia poté riprendere le sue funzioni: essa si estende su 7 contrade e conta 243 famiglie per un totale di 790 abitanti. Nel 1993, dopo varie vicissitudini, ebbe termine la ricostruzione del santuario, realizzata secondo rigidi criteri antisismici con forme più orizzontali e minore elevazione; al suo interno furono realizzate o restaurate diverse opere d’arte (statue, dipinti, vetrate) mentre la grande mole di ex-voto fu trasferita in due sale attigue. Finalmente il 20 maggio 2006 con decreto del vescovo Giovanni D’Alise venne ufficialmente istituito il santuario diocesano di San Liberatore vescovo e martire con il titolo “Ut omnes unum sint”.
Il luogo sacro costituisce un’importante meta di pellegrinaggi soprattutto in occasione del 15 maggio (giorno della memoria liturgica di san Liberatore) e nella domenica successiva; la prima domenica di settembre si festeggia invece san Vito martire, cui anticamente era dedicato un altare.
Fonte_ Wikipedia

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
    CONTRADA S. LIBERATORE 83031 ARIANO IRPINO AV
  • Telefono
  • Regione
    Campania
  • Location
    CONTRADA S. LIBERATORE

Location

S. Liberatore Vescovo e Martire
Calcola percorso

Contatti

S. Liberatore Vescovo e Martire
  • Da comunicazione
  • Email: comunicazione@papagiovannisottoilmonte.org

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

S. Liberatore Vescovo e Martire
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi