Santa Maria dei Miracoli

Descrizione

Descrizione
Situata in Piazza del Popolo tra Via del Corso e Via di Ripetta, a nord dell’antico Campo Marzio, la chiesa di Santa Maria dei Miracoli è una delle chiese “gemelle”, insieme a Santa Maria in Montesanto.
La sua edificazione si deve a una leggenda che narra di un miracolo che si verificò sulle sponde del fiume di Roma. Il 20 giugno del 1325, una mamma disperata invocò la Madonna, dipinta su un muro lungo le rive del fiume, affinché salvasse il suo piccolo caduto nelle acque del Tevere. Una volta che il bambino fu messo in salvo, in ricordo dell’evento prodigioso, si decise l’edificazione di una cappella dedicata alla Vergine Maria nella quale venne collocata l’immagine miracolosa che da allora è conosciuta come Madonna dei Miracoli.
A causa dei continui straripamenti del fiume che mettevano in pericolo la cappella e la stessa immagine della Madonna, nel 1590 fu deciso di traslare il dipinto nella Chiesa di San Giacomo in Augusta, dove si può ammirare ancora oggi. Nella vecchia cappella, invece, ne venne sistemata una copia. Le continue inondazioni, tra cui quella devastante del 1530 che sommerse completamente la cappella, convinsero Papa Alessandro VII a costruire, nel 1661, una nuova chiesa in Piazza del Popolo ove custodire la copia dell’immagine della Madonna dei Miracoli.
I lavori, affidati dal cardinale Girolamo Gastaldi (1616-1685) all’architetto Carlo Rainaldi (1611-1691), furono avviati nel 1675, ovvero 14 anni dopo l’ordine del papa e 13 anni dopo la fondazione della cosiddetta chiesa gemella di Santa Maria di Montesanto, e furono completati da Carlo Fontana (1638-1714) nel 1679. Nel 1681, la chiesa fu consacrata e inaugurata.
Esternamente, la chiesa presenta un portico rettangolare in travertino coronato da un frontone su cui è inciso il nome del Cardinal Gastaldi. Le colonne che costituiscono il pronao erano inizialmente destinate ai campanili di San Pietro progettati dal Bernini, che, però, non furono mai realizzati. Sul parapetto sono collocate dieci statue che rappresentano santi e sante, eseguite tra il 1676 e il 1677.
La cupola, rivestita in ardesia, è ottagonale e fu progettata e realizzata da Carlo Fontana. Il campanile si innalza specularmente a quello della chiesa di Santa Maria in Montesanto.
Internamente, la chiesa ha pianta circolare con due cappelle per lato. Al centro del pavimento una lapide circolare porta lo stemma cardinalizio di Girolamo Gastaldi.
Sotto l’altare della prima cappella a sinistra, la Cappella di Sant’Antonio, sono conservai i resti sacri di Santa Candida martire, ritrovati nelle catacombe di Priscilla che si trovano sulla via Salaria di fronte a Villa Ada, e il monumento funebre dedicato ad Antonio d’Este, discepolo e amico di Antonio Canova. La seconda a sinistra è la Cappella del Rosario, la cui pala d’altare raffigura la “Madonna del Rosario” opera del XIX secolo, il cui originale conservato presso la Basilica di Santa Balbina. A destra, troviamo la Cappella di San Giuseppe e la Cappella dell’Assunta.
Al centro dell’altare maggiore, opera di Antonio Raggi, quattro angeli incorniciano l’immagine della Madonna dei Miracoli, copia realizzata nel Cinquecento, il cui originale si trova nella Chiesa di San Giacomo in Augusta in Via del Corso.
A sinistra del presbiterio, si trova il monumento sepolcrale del cardinale Girolamo Gastaldi e a destra quello del cavalier Benedetto Gastaldi, coronati da quattro statue che raffigurano la Fede, la Speranza, la Prudenza e la Temperanza.
La chiesa, come anche la sua gemella, si trova sui resti di due tombe piramidali, simili a quella di Caio Cestio, risalenti all’epoca di Augusto. Queste, probabilmente, formavano un ingresso monumentale al Campo Marzio, funzione che oggi rivestono le due chiese.
Curiosità
A prima vista, osservate dal centro di piazza del Popolo, la chiesa di Santa Maria dei Miracoli e quella di Santa Maria in Montesanto sembrano perfettamente uguali, sono infatti conosciute come le chiese “gemelle”, ma a guardarle bene non lo sono.
Papa Alessandro VII desiderava creare un punto focale per attirare l’attenzione di chi passava sulla la piazza, e decise di far edificare due chiese simmetriche. L’architetto Rainaldi, costruttore di Santa Maria dei Miracoli, però, aveva meno spazio a disposizione per la chiesa e trovò un modo geniale per risolvere il problema. Dotò l’edificio di una cupola ottagonale – quella di Santa Maria in Montesanto è dodecagonale – e di una pianta circolare – l’altra è ellittica.

Fonte: https://www.turismoroma.it/it/luoghi/chiesa-di-santa-maria-dei-miracoli

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
    VIA DEL CORSO 528 00186 ROMA
  • Telefono
  • Regione
    Lazio
  • Location
    ROMA

Location

Santa Maria dei Miracoli
Calcola percorso

Contatti

Santa Maria dei Miracoli
  • Da comunicazione
  • Email: comunicazione@papagiovannisottoilmonte.org

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

Santa Maria dei Miracoli
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi