S. Priamo Martire

Descrizione

Descrizione

Santuario di San Priamo Martire, XI sec.

Il santuario,sorge a poca distanza dall’abitato di San Priamo (frazione di San Vito – provincia di Sud Sardegna), sulla sommità dell’omonimo Monte. Il sito in cui sorse il santuario fu frequentato sin dal Neolitico recente (fine IV – inizio III millennio a.Cr.).Tale frequentazione è testimoniata da alcune domus de janas scavate nella roccia. Ai piedi della chiesa è ubicato un nuraghe e alcune strutture, fra le quali è stata riconosciuta una tomba di giganti.
Il santuario, ben segnalato da un cartello turistico, è facilmente raggiungibile dalla strada statale Orientale sarda 125.Il santuario è dedicato, verosimilmente sin dall’antichità, a San Priamo, detto in lingua sarda campidanese Santu Pilimu. Una fonte risalente agli inizi del Seicento, dal titolo “Informaciò rebuda per orde de monseñor canonge Melchior Fença” contenuta in: “Varias informaciones sobre algunos milagros De San Priamo” (Archivio Storico Diocesano di Cagliari, vol. II, cc. 20-42, del 1606: vedi scheda bibliografica) ricorda che la chiesa era allora considerata sotto la “invocaciò de sant Primo e Filiciano, santos romanos”. Il marese Padre Vidal, compilatore delle suddette “Varias informaciones”, riteneva che la “gent ha equivocat lo nom” della chiesa, e sosteneva che – sulla base di un’inchiesta condotta tra persone da lui ritenute affidabili – la vera dedicazione era quella “del dit benaventurat San Priamo” L’oggetto di culto attuale è rappresentato dalla statua lignea del santo, rappresentato nella più diffusa iconografia del santo militare. Costituisce sicuramente oggetto di culto la fonte da cui sgorgano acque ritenute miracolose. Nel dies natalis, e nei giorni ad esso prossimi, i devoti utilizzano queste acque per aspersioni sul corpo, fatte con la speranza di ottenere guarigioni o altre grazie. Un documento risalente alla seconda metà del Settecento (Archivio Diocesano Cagliari, Respuestas, 1777) ricorda l’esistenza di una reliquia del santo, conservata – unitamente al certificato d’autenticità rilasciato dall’arcivescovo Delbecchi – nella chiesa parrocchiale di Maracalagonis (Ca). Di quest’ultima reliquia non se ne ha oggi più notizia. Altre reliquie erano esposte all’interno del santuario, come ricorda la c.99v. delle medesime Respuestas. Anche queste reliquie, oggi disperse, erano autenticate.
Di grande particolarità è l’unico ingresso della chiesa, che è posto lateralmente, in uno dei suoi lati lunghi, più precisamente quello rivolto là dove il sole sorge.
Dove venne costruita la prima parte di questo piccolo santuario sgorga ancora una piccola sorgente che la tradizione definisce prodigiosa. Probabilmente, in epoca pagana, in questo luogo vi sorse un tempio utilizzato per rendere culto alla dea della acque.

Fonte: https://www.comune.sanvito.ca.it/it/point-of-interest/chiesa-santuario-san-priamo-m

Contatti

Contatti
  • Indirizzo
    Str. per il Santuario di S. Priamo, 09040 SAN VITO CA
  • Regione
    Sardegna
  • Location
    SAN VITO

Location

S. Priamo Martire
Calcola percorso

Contatti

S. Priamo Martire
  • Da Padre Mario
  • Email: marim141@libero.it

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Eventi

S. Priamo Martire
No Eventi Found

*i campi contrassegnati con l'asterisco * sono obbligatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi